Tecnologie sostenibili per la bonifica dei siti inquinati

Trireme è una start up innovativa di consulenza ambientale e servizi per la bonifica di siti contaminati. Nata dalla unione tra Ricercatori del Dipartimento di Chimica della Università di Roma “La Sapienza” e dell’Istituto di Ricerca sulle Acque del CNR di Monterondo con la Società Sersys Ambiente, offre servizi altamente specializzati per aiutare il cliente in tutte le fasi del recupero di un sito contaminato.

Sulla base della pluridecennale esperienza e competenza acquisita nell’ambito della ricerca applicata alla bonifica dei siti inquinati, Trireme garantisce un supporto già a partire dalle fasi di caratterizzazione, per la costruzione di robusti modelli concettuali come base indispensabile alla progettazione degli interventi di bonifica più adeguati nell’ottica della sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

  • TECNOLOGIA

    Dalla conoscenza delle più avanzate tecnologie per la caratterizzazione e bonifica dei siti inquinati la capacità di identificare la soluzione più adeguata alla particolare situazione sito-specifica e soprattutto nel caso di siti complessi e con contaminazioni storiche

  • INNOVAZIONE

    L’innovazione non solo nella selezione e nello sviluppo di tecnologie di caratterizzazione e di bonifica ma anche nella costruzione di una strategia per la bonifica e riqualificazione dei siti inquinati che vede nella sostenibilità ambientale, sociale ed economica un reale punto di forza.

  • MULTIDISCIPLINARIETÀ

    Solo sulla base della reale integrazione delle competenze chimiche, biologiche, geologiche, ingegneristiche e procedurali è possibile identificare le più efficaci soluzioni per la gestione di un sito inquinato fino alla risoluzione della passività ambientale

Awesome Image
Awesome Image

Tecnologia, innovazione e multidisciplinarietà: i nostri servizi

IL BREVETTO

Trireme sta acquisendo i diritti in esclusiva di un brevetto che riguarda la bonifica di siti complessi storicamente contaminati da solventi clorurati, nitrati e solfati tra i cui inventori i soci fondatori e il partner industriale.

Il brevetto è stato depositato congiuntamente alla IEG technolgie GmbH tedesca che fornisce i Groundwater Circulation Wells come componente tecnologica essenziale del processo.

Sustainability
0%
Scopri di più

Innovativo

Utilizza il vantaggioso accoppiamento della manipolazione idraulica della falda con pozzi GCW-IEG con la stimolazione della declorazione riduttiva biologica in situ mediante fermentazione di un polimero biodegradabile ricavabile dalla degradazione di scarti organici. Il processo avviene senza emungimento netto di acqua.

Applicabile

Il processo è potenzialmente applicabile in tutte le falde acquifere contaminate da solventi clorurati nelle quali sia riscontrabile una minima attività declorante naturale ed è soprattutto rivolto alla eliminazione e contenimento delle sorgenti secondarie attive, in particolare per situazioni di contaminazione storica

Testato

Il brevetto è stato già ampiamente testato alla scala pilota con ottimi risultati e trova da due anni una applicazione alla scala piena in un importante sito industriale attivo sul territorio nazionale, inserito in una procedura di Messa in Sicurezza Operativa.

Sostenibile

Il processo non genera acque di scarto, utilizza un polimero biodegradabile e contiene al massimo la produzione di rifiuti. Riduce la massa di contaminanti in sorgente e contemporaneamente controlla idraulicamente e abbatte significativamente il flusso di massa dei contaminanti verso le aree esterne

Partner